R-U
Parola chiave: Trovati 4 risultati.
Tag: R-U Ordinamento

Risolto il mistero dei sonetti di Shakespeare?

Risolto il mistero dei sonetti di Shakespeare?

Dal Guardian la rivelazione dell'identità del dedicatario

Some of the finest, most quoted verses in the English language were dedicated to him, and for centuries literary scholars have tried to establish his identity. Now fresh research suggests that the mysterious Mr WH, to whom Shakespeare’s sonnets were dedicated, was not, as had been thought, a contemporary English nobleman, but a recently deceased associate of the Sonnets’ publisher, Thomas Thorpe, which would explain the dedication’s strangely funereal form. Geoffrey Caveney, an American researcher, has unearthed possible evidence to link the initials with William Holme, who had both personal and professional connections to Thorpe. Both came from prominent Chester families, were publishing apprentices in 1580s London and had strong connections with theatres through publishing major playwrights such as Ben Jonson and George Chapman.

Continua a leggere http://www.theguardian.com/culture/2015/jan/31/shakespeare-sonnets-mr-wh-dedication-mystery

King Lear dopo Shakespeare

King Lear dopo Shakespeare

Esce in questi giorni la prima monografia di Roberta Grandi pubblicata da Aracne col titolo King Lear dopo Shakespeare. Riscritture, adattamenti, burlesques (1681-1860) (p. 304, ISBN 978-88-548-5934-0).

Ecco la presentazione del libro (Clicca qui per Visitare la presentazione del volume sul sito di Aracne.):

Un’opera teatrale vive di carta, legno e carne. Il testo ne racchiude e fissa le parole; le assi del palcoscenico e del teatro ne sono ossa, terra e cielo; gli attori e i registi la trasformano in voce e corpo e la modificano nel corso degli anni. Questo volume indaga la particolarissima “vita” del King Lear, l’opera shakespeariana che – forse più di ogni altra – ha visto una folta schiera di adattamenti, riscritture e burlesques avvicendarsi sulle scene inglesi in un arco di tempo che va dalla Restaurazione all’Ottocento. Guardare a queste opere (alcune delle quali ebbero grande fortuna tra i contemporanei) consente non solo di comprendere la multiformità delle metamorfosi sceniche e testuali del dramma originale, ma permette anche di avvicinarsi con una nuova prospettiva alla cultura e al gusto sei-ottocentesco d’oltremanica.

Clicca qui per leggere un'anteprima del volume.

R.G.

Lo Hobbit - Ri-leggere Tolkien

Lo Hobbit - Ri-leggere Tolkien
Carlo M. Bajetta .

In occasione dell’uscita de “Lo Hobbit” nelle sale cinematografiche, ecco un articolo che invita a riflettere sui testi di Tolkien (quello vero…).

Leggi tutto...

Un'Ofelia in famiglia per Shakespeare

Un'Ofelia in famiglia per Shakespeare

Bard's relative may have inspired tragic Ophelia

Un nuovo studio su un rapporto del coroner del 1569 mostra come la morte per annegamento di una possibile parente di Shakespeare avrebbe potuto costituire una fonte d'ispirazione per il personaggio di Ofelia in Hamlet. 

"Coroner's reports of accidental deaths in Tudor England showed that a Jane Shaxspere drowned aged two-and-a-half while picking corn marigolds 20 miles (32 kilometres) from Shakespeare's Stratford-upon-Avon home, researchers found. 

In Shakespeare's classic, Ophelia drowns in a brook after hanging flowers in a willow tree. The poetic moment is famously captured in John Everett Millais's 1852 painting.

The Bard would have been five at the time of Jane Shaxspere's 1569 death, and the Oxford team believe the two children may have been related."

Leggi tutto l'articolo su http://www.independent.co.uk/arts-entertainment/books/bards-relative-may-have-inspired-tragic-ophelia-study-2296664.html

 

R.G.

Nuova Informativa Privacy 2018 - Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito.Proseguendo a navigare o cliccando ok acconsenti all’uso dei cookie. - Clicca su Read More per leggere l'informativa completa.